fbpx

Come leggere le etichette degli integratori alimentari

Gli integratori alimentari sono prodotti che integrano la comune dieta e che costituiscono una fonte concentrata di sostanze nutritive (vitamine e minerali) o di altre sostanze con un effetto nutritivo o fisiologico (aminoacidi, acidi grassi essenziali, fibre ed estratti di origine vegetale). 

Gli integratori possono essere sia monocomponenti (composti da un solo attivo) che pluricomposti (complessi di diversi attivi) e si trovano in forme predosate come:
  • capsule
  • pastiglie (confetti e gommose)
  • compresse
  • capsule molli
  • gomme da masticare
  • polveri in bustina
  • liquidi contenuti in fiale o bustine
  • flaconi
  • flaconi a contagocce e altre forme simili

Gli integratori alimentari, per definizione, hanno lo scopo di correggere le carenze nutrizionali, mantenere un adeguato apporto di alcuni nutrienti o coadiuvare specifiche funzioni fisiologiche. Non sono medicinali, quindi non possono avere un’azione farmacologica. 


Con gli integratori non trattiamo le malattie ma manteniamo il fisiologico equilibrio dell’organismo.

All’interno dell’Unione europea, gli integratori alimentari seguono la normativa degli alimenti. Diversi regolamenti e decreti stabiliscono:

  • quali sostanze possono essere utilizzate
  • in quali quantità
  • quali effetti salutistici possono essere vantati
  • quali estratti vegetali usare
  • eventuali avvertenze o raccomandazioni da seguire per un corretto utilizzo

Allo stesso modo vengono stabilite dal Ministero della Salute le indicazioni obbligatorie da riportare nelle etichette degli integratori, che devono essere chiare, semplici e non devono indurre in errore il consumatore o fuorviarne la scelta.

Cosa non deve mancare nell’etichetta di un integratore alimentare?

Partiamo dalle basi: deve essere chiaro e leggibile di che prodotto si tratta, ci sarà quindi l’indicazione “integratore alimentare”. 

A seguire c’è l’elenco degli ingredienti completo che riporta:

  • le sostanze attive con il loro titolo o percentuale (estratti vegetali, minerali, vitamine, ecc.)
  • gli eccipienti, sostanze che non hanno una funzione per l’attività del prodotto ma che servono per prepararlo e mantenerlo stabile per tutto il suo periodo di vita

A cosa bisogna fare attenzione nelle etichette degli integratori alimentari? Spesso negli elenchi appaiono dei termini latini: sono i nomi botanici delle piante, che assieme alla parte utilizzata (seme, foglie, frutti, corteccia, ecc.) rappresentano la carta d’identità della pianta stessa.

Altre volte invece, a fianco a vitamine e minerali si trovano nomi più tecnici e chimici che identificano in modo universale la sostanza.

Nella lista degli ingredienti ci sono alcuni nomi in grassetto o evidenziati: queste sostanze sono gli allergeni e devono essere sempre ben visibili, per avvertire le persone allergiche prima che facciano uso del prodotto.

Oltre all’elenco degli ingredienti, nell’etichetta degli integratori alimentari sono presenti:

  • i contenuti medi riportati in una tabella, che indicano i valori delle sostanze attive presenti nel prodotto, con la massima quantità giornaliera raccomandata
  • il modo d’uso
  • la modalità di conservazione;
  • avvertenze generiche di buon utilizzo dell’integratore

A completare la carta di identità del prodotto ci sono i dati di chi ha immesso in commercio il prodotto con anche indirizzo del sito di produzione, se diverso da chi lo commercializza.

Proprio come per gli alimenti, anche sull’etichetta di un integratore c’è il peso del prodotto, la data entro la quale è consigliato utilizzarlo e tutte le indicazioni per il corretto smaltimento

Infine, c’è sempre più attenzione per la cura dell’ambiente e le strategie che le aziende mettono in campo per proteggerlo. Bios Line, per esempio, utilizza imballaggi che abbiano un minor impatto – come carta FSC – e ricerca materie prime ed eccipienti di origine vegetale e non animale, anche nel rispetto di alimentazioni vegane o vegetariane.

Come scegliere un integratore di qualità?

Oggi i consumatori sono sempre più informati e consapevoli, quindi c’è una richiesta maggiore di prodotti sempre più performanti ed efficaci.

Ma quali sono gli ingredienti e le caratteristiche dei migliori integratori alimentari?

 Alcuni indicatori che aiutano a riconoscerli (perché migliorano l’efficacia del prodotto) sono:

  • Ricerca di materie prime selezionate: la Natura offre da sempre soluzioni e rimedi che le tradizioni locali hanno portato fino ai giorni nostri. Ogni cultura e popolo ha tramandato rimedi che sono ad oggi ancora efficaci. Per questo scegliere materie prime provenienti dal loro habitat naturale, anche se distante da noi, è una valida scelta per poter raccoglierne al meglio le proprietà. L’origine di una materia prima può quindi contribuire alla buona resa del prodotto. A questo si affianca la ricerca di materie prime “brevettate” e con una solida documentazione scientifica di efficacia.

  • Utilizzo di principi attivi titolati e standardizzati: sono principi estratti con una metodica ben definita, per cui lo standard è un marker importante che ne garantisce una certa risposta. Anche il titolo è fondamentale perché ci dice quant’è la percentuale dello standard. Questi estratti titolati e standardizzati possono poi essere usati da soli o in sinergia con altri componenti che ne migliorano l’efficacia.

  • Avvalersi di tecnologie farmaceutiche: la giusta tecnologia produttiva e scelta di forma farmaceutica conclude il percorso di formulazione di un prodotto. Spesso la scelta di una tipologia di compressa rispetto a un’altra può aiutare nella sinergia di azione di tutta la formula. Ecco che una compressa gastroresistente protegge gli attivi dall’ambiente dello stomaco facendolo arrivare integro al suo sito di azione (intestino); per un rapido utilizzo da parte dell’organismo risultano utili ed efficaci le somministrazioni sublinguali, da sciogliere direttamente in bocca sotto la lingua. Ci sono poi sostanze che hanno bisogno di tempo per essere usate al meglio dall’organismo e non andare perse: ecco che una compressa a tre strati con diversi tempi di rilascio diventa un valido alleato.

I migliori integratori per ogni necessità

La linea Principium adotta tutti questi accorgimenti: un attivo principale a dosaggi elevati, in sinergia con altre sostanze che ne potenziano l’efficacia unito alle migliori tecnologie produttive.